Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, con lettera circolare n. 3355/2017, interviene sul modo dell’alternanza scuola-lavoro.

L’alternanza scuola lavoro, in senso stretto (tout court), è oramai uno strumento che sta sempre più riscuotendo un grande interesse e successo presso le imprese, e dall’anno scolastico 2017/2018 è obbligatoria per tutti gli studenti dell’ultimo triennio.

La lettera circolare del Miur n. 3355/2017 consente di fare una importante riflessione e un tentativo di ulteriore chiarezza sulla legge n. 107/2015 cosiddetta della buona scuola che ha introdotto nel sistema nazionale d’istruzione e formazione una nuova disciplina organica sull’alternanza scuola-lavoro attraverso specifici percorsi, in convenzione tra scuola ed impresa, di inserimento temporaneo di studenti all’interno delle realtà aziendali al fine di acquisire conoscenze e competenze professionali spendibili nel mercato del lavoro e come orientamento dei giovani. Il Miur afferma come l’alternanza scuola lavoro fissata dalla legge sulla “buona scuola”, che riprende senza abrogarlo il D.Lgs n. 77/2005 (che già prevedeva l’alternanza scuola lavoro), stabilisce che gli studenti sono accolti per periodi di apprendimento in situazione lavorativa senza però si costituisca un rapporto individuale di lavoro, e pertanto una fattispecie al di fuori sia del perimetro dell’area della subordinazione, ex art. 2094 c.c. che di quella del lavoro autonomo, ex art 2222 del c.c..

scarica la pubblicazione completa

Working Paper: L’universo dell’alternanza scuola-lavoro